Ultimo aggiornamento: 02/08/2021

Lo yoga, come le arti marziali, non è una singola pratica, ma piuttosto una grande varietà di discipline e variazioni. Se sei un fan di Operación Triunfo, riconoscerai il vinyasa yoga come la disciplina che Xuan Lan ha insegnato ai partecipanti. Ma cos’è esattamente il vinyasa yoga?

Vinyasa yoga è una classificazione generale che comprende le pratiche yoga in cui il movimento del corpo è coordinato con esercizi di respirazione. Per esempio, l’impegnativo ashtanga yoga o il moderno flow yoga. Invece di tenere le posture per lunghi periodi di tempo, le asana nel vinyasa yoga scorrono in sintonia con l’aria che inspiri ed espiri. In questo articolo imparerai tutto su questa variante dinamica dello yoga.




La cosa più importante da sapere

  • Il Vinyasa yoga si basa sull’armonia tra respiro e movimento. Le asana del Vinyasa sono più dinamiche che in altre forme di yoga.
  • Ci sono una varietà di stili all’interno del vinyasa yoga. Alcuni si concentrano maggiormente sugli aspetti spirituali, mentre altri sono più simili a routine di fitness.
  • Il vinyasa yoga è più impegnativo fisicamente di altri tipi di yoga. È consigliabile praticarlo con qualche esperienza precedente negli stili più facili.

Cosa dovresti sapere sul vinyasa yoga

Dal suo nome, l’ashtanga vinyasa yoga può sembrare una delle antiche forme di yoga. È interessante notare che in verità questa pratica non ha nemmeno un secolo. Ciò non significa che questa forma di yoga non abbia una base antica, ma attribuiamo la sua origine contemporanea a Sri Tirumalai Krishnamacharya. Più precisamente, è il suo apprendista Sri K. Patthabi Jois, che ha fondato la prima scuola di ashtanga vinyasa yoga a metà del 20° secolo.

L’equilibrio e la flessibilità rendono il vinyasa yoga una grande aggiunta alla tua routine quotidiana. (Fonte: Zen Bear Yoga: IVf7hm88zxY/ Unsplash)

Qual è l’origine del vinyasa yoga?

L’esatta origine del vinyasa yoga è avvolta nel misticismo, poiché si basa su un manoscritto perduto (lo Yoga Karunta), scritto dal saggio Vamana Rishi. Secondo la leggenda, il saggio imparò questo yoga dal dio Vishnu stesso e si reincarnò per evitare che questa conoscenza cadesse nell’oblio.

Gli insegnamenti dell’ashtanga vinyasa yoga hanno avuto un grande impatto negli Stati Uniti. La sua popolarità ha portato alla creazione di molteplici varianti, che sono diventate note come vinyasa yoga. Oggi, il vinyasa yoga è uno degli stili più diffusi.

Quali tipi di vinyasa yoga esistono?

Il vinyasa è una misura di una sequenza di respirazione completa. Quando inaliamo aria, significa che assorbiamo il prana verso l’alto. È l’energia universale che nutre la vita. Quando espiriamo, facciamo fluire il prana verso il basso attraverso il nostro corpo. È l’energia purificante che pulisce il nostro corpo. Che sia per ragioni spirituali o tecniche, il vinyasa yoga è qualsiasi disciplina che utilizza questo processo come sistema per segnare la durata e il cambiamento tra le posture.

Lo yoga cresce e si sviluppa con ogni nuovo insegnante, rendendo impossibile elencare precisamente i suoi stili. Tuttavia, i seguenti sono alcuni dei più conosciuti all’interno del vinyasa yoga:

Stile Enfasi Descrizione
Ashtanga yoga Memoria Esigente, sia tecnicamente che fisicamente. Questo stile si basa sul seguire una specifica sequenza di movimenti in un ordine specifico. È lo stile vinyasa fondamentale su cui le varianti sono solitamente basate.
Flow yoga Flow Una versione meno impegnativa dell’ashtanga yoga, dove la ripetizione delle posture e la precisione dei tempi sono eliminate in favore di uno stile più ritmico.
Jivamukti yoga Spiritualità Per insegnare come applicare la filosofia yoga nella nostra vita quotidiana. Questo stile crea sessioni tematiche dove l’ashtanga yoga è combinato con pratiche più spirituali, come il canto dei mantra o la musica.
Power yoga Fitness Una variazione dell’ashtanga che elimina la rigidità delle sequenze per dare più importanza al suo carattere di esercizio fisico.
Hot yoga Detox Una pratica vinyasa eseguita a 40 gradi, che aiuta a tonificare il corpo mentre aumenta la flessibilità e diminuisce il rischio di lesioni.

Quali sono i benefici del vinyasa yoga?

Il vinyasa yoga combina gli aspetti meditativi e spirituali dello yoga con elementi più atletici. Di conseguenza, questo tipo di yoga può portare benefici a molti aspetti diversi della tua vita. Ecco alcuni dei più importanti.

Un buon istruttore sa come spingerti senza metterti a rischio di lesioni. (Fonte: Elly Fairytale: 3822670/ Pexels)

Benefici fisici del vinyasa yoga

Il vinyasa yoga è una delle forme di yoga più impegnative a livello fisico. Come tale, è del tutto paragonabile ad un’attività sportiva leggera. L’esercizio eseguito in una sessione di yoga di un’ora è paragonabile a 45 minuti di camminata (1). Questo lo rende una forma di esercizio eccellente per ridurre l’obesità (2).

Non è un’attività sportiva che richiede molta energia. Tuttavia, i miglioramenti che il vinyasa yoga può portare al tuo equilibrio e alla tua flessibilità sono superiori al tradizionale allenamento sportivo (3).

Benefici mentali del vinyasa yoga

La combinazione degli elementi rilassanti dello yoga con gli esercizi di respirazione del vinyasa yoga rendono il vinyasa yoga uno strumento eccellente per la tua salute mentale.
Il

Vinyasa yoga aiuta con l’ansia in modo così efficace che è utile in ambienti stressanti come le università (4) o anche per chi si prende cura dei malati di cancro (5).

Non puoi solo usare questo tipo di yoga per affrontare i problemi esterni nella tua vita. Il vinyasa yoga è anche uno strumento utile se stai cercando di smettere di fumare. Può aiutarti non solo a perseverare, ma anche a ridurre la sensazione di dipendenza (6).

Benefici per la salute del vinyasa yoga

Oltre al valore riparatore e rilassante solitamente attribuito allo yoga, il vinyasa yoga ha diversi valori terapeutici dimostrati. Per esempio, il miglioramento delle prestazioni cardiovascolari e la riduzione del colesterolo nei praticanti è evidente fin dalla prima sessione (7).

Il miglioramento della forza muscolare e della flessibilità che la pratica del vinyasa yoga genera lo rende una forma di attività utile per le terapie di riabilitazione. Il vinyasa yoga è, per esempio, praticabile come trattamento per il morbo di Parkinson (8)

Vantaggi del vinyasa yoga rispetto ad altri tipi di yoga

Se stai pensando di praticare il vinyasa yoga, la prima cosa che dovresti sapere è che questo non ti esclude dal praticare altre forme. Il vinyasa yoga è un po’ complicato, quindi è consigliabile praticare prima uno stile più semplice come l’hatha yoga. In questo modo, finché non avrai acquisito familiarità con le basi. Detto questo, ogni stile di yoga ha i suoi vantaggi rispetto agli altri.

Il contributo principale del vinyasa yoga rispetto agli altri stili è legato alla sua base concettuale. Il flusso di prana e apana, che purifica il corpo, non è solo un’idea spirituale. Il vinyasa yoga è effettivamente migliore degli stili più statici per la circolazione del sangue. Poiché comporta un maggiore sforzo fisico a causa del suo dinamismo, è anche meglio per costruire la resistenza e perdere peso.

5 consigli indispensabili per i principianti del vinyasa yoga

Iniziare una pratica come il vinyasa yoga può intimorire i principianti. Con i nostri consigli qui sotto, saprai tutto ciò di cui hai bisogno per rendere le tue sessioni rilassanti come dovrebbero essere.

Grazie alla varietà di scuole, puoi trovare un tipo di vinyasa yoga che meglio si adatta alle tue esigenze. (Fonte: Dyllan Gillis: YJdCZba0TYE/ Unsplash)

Trova un buon insegnante

Nello yoga, l’efficacia delle tue sessioni dipende in gran parte dall’avere un buon insegnante. Nel vinyasa yoga, questo è doppiamente vero.

Le maggiori esigenze delle asana del vinyasa yoga rendono importante adattarle ai principianti. Un buon insegnante si assicurerà che i suoi studenti seguano un ritmo appropriato. Se senti di non capire qualcosa o di non riuscire a fare ciò che ti viene chiesto, non esitare a chiedere.

Attenzione agli infortuni

Quando si pratica Il Vinyasa yoga è più dinamico degli altri stili e quindi ha un rischio maggiore di infortuni. Non dimenticare di prestare attenzione alle istruzioni dell’insegnante e non sforzarti troppo. Queste sono alcune delle lesioni che possono essere causate da una cattiva pratica yoga

  • Lesioni alla schiena o alle spalle: fai sapere al tuo insegnante se certe posture ti causano dolore. Forse non li stai facendo correttamente.
  • Lesioni al polso o alle dita: fai attenzione alle posture in modo da non mettere troppo peso sulla punta delle dita.
  • Rocce nelle ginocchia: non forzare troppo la postura quando incroci le gambe e assicurati sempre di indossare un abbigliamento adeguato.
  • Lesioni al collo: se ti fa male il collo durante certe posture, non sforzarlo e informa immediatamente l’istruttore.

Avere qualche esperienza precedente in altri stili ti aiuterà a fluire tra le posture con meno rischi di lesioni.

Non paragonarti ai tuoi colleghi

Il Vinyasa yoga è complesso e non tutti hanno la stessa esperienza quando iniziano le lezioni. Segui le istruzioni del tuo insegnante e non preoccuparti se i tuoi compagni sembrano fare meglio.

Uno degli obiettivi dello yoga è rilassarsi e migliorare giorno dopo giorno. Non c’è motivo di stressarsi perché non è perfetto fin dall’inizio.

Indossa un abbigliamento appropriato

Questo è importante in tutti i tipi di yoga, ma ancora di più nel vinyasa yoga. Quando pratichi il vinyasa yoga, non solo avrai bisogno di vestiti flessibili, ma anche di vestiti che non ti sfreghino.

Controlla con i professionisti del negozio, perché non tutti gli indumenti sportivi sono adatti al vinyasa yoga.

Non dimenticare che i tuoi vestiti devono essere traspiranti. Il Vinyasa yoga ti farà lavorare duramente e un abbigliamento inadeguato può causare problemi quando il sudore inizia ad accumularsi.

Ricorda di riposare

Ricorda sempre che lo scopo dello yoga è quello di migliorare ogni giorno. Se cominci ad essere troppo stanco, non cercare di forzare te stesso per finire la sessione perché questo può causare lesioni.

Non essere timido a farlo sapere all’istruttore. Un buon insegnante saprà se hai bisogno di rallentare o se è meglio fermarsi per un po’ prima di continuare.

Conclusione

Il Vinyasa yoga è una pratica leggermente più complicata degli altri stili, ma con molti benefici. Se hai qualche esperienza con lo yoga tradizionale, ti consigliamo di provare una sessione. La sua natura più dinamica può essere molto gratificante se sei una persona attiva.

Ci sono molte scuole e variazioni di vinyasa yoga, quindi non esitare a provarne un paio prima di decidere. Un buon insegnante renderà le sessioni molto diverse e ogni stile ha i suoi vantaggi. Trova quello più adatto a te e non dimenticare che la cosa più importante è divertirsi.

(Fonte dell’immagine: Vega: F2qh3yjz6Jk-/ Unsplash)

Riferimenti (8)

1. Sherman SA, Rogers RJ, Davis KK, Minster RL, Creasy SA, Mullarkey NC, et al. Energy Expenditure in Vinyasa Yoga Versus Walking. Journal of Physical Activity and Health. 2017Jan;14(8):597–605.
Fonte

2. Jakicic JM, Davis KK, Rogers RJ, Sherman SA, Barr S, Marcin ML, et al. Feasibility of Integration of Yoga in a Behavioral Weight‐Loss Intervention: A Randomized Trial. Obesity. 2021Feb2;29(3):512–20.
Fonte

3. Polsgrove M J, Eggleston BM, Lockyer RJ. Impact of 10-weeks of yoga practice on flexibility and balance of college athletes. Int J Yoga 2016;9:27-34.
Fonte

4. Lemay V, Hoolahan J, Buchanan A. Impact of a Yoga and Meditation Intervention on Students' Stress and Anxiety Levels. American Journal of Pharmaceutical Education. 2019Jun;83(5):7001.
Fonte

5. Martin AC, Keats MR. The Impact of Yoga on Quality of Life and Psychological Distress in Caregivers for Patients With Cancer. Oncology Nursing Forum. 2014May25;41(3):257–64.
Fonte

6. Bock BC, Fava JL, Gaskins R, Morrow KM, Williams DM, Jennings E, et al. Yoga as a Complementary Treatment for Smoking Cessation in Women. Journal of Women's Health. 2012Feb1;21(2):240–8.
Fonte

7. Piña AA, Shadiow J, Tobi Fadeyi A, Chavez A, Hunter SD. The acute effects of vinyasa flow yoga on vascular function, lipid and glucose concentrations, and mood. Complementary Therapies in Medicine. 2021Jan;56:102585.
Fonte

8. Ni M, Mooney K, Signorile JF. Controlled pilot study of the effects of power yoga in Parkinson’s disease. Complementary Therapies in Medicine. 2016Apr;25:126–31.
Fonte

Perché puoi fidarti di noi?

Artículo especializado
Sherman SA, Rogers RJ, Davis KK, Minster RL, Creasy SA, Mullarkey NC, et al. Energy Expenditure in Vinyasa Yoga Versus Walking. Journal of Physical Activity and Health. 2017Jan;14(8):597–605.
Vai alla fonte
Artículo especializado
Jakicic JM, Davis KK, Rogers RJ, Sherman SA, Barr S, Marcin ML, et al. Feasibility of Integration of Yoga in a Behavioral Weight‐Loss Intervention: A Randomized Trial. Obesity. 2021Feb2;29(3):512–20.
Vai alla fonte
Artículo científico
Polsgrove M J, Eggleston BM, Lockyer RJ. Impact of 10-weeks of yoga practice on flexibility and balance of college athletes. Int J Yoga 2016;9:27-34.
Vai alla fonte
Artículo científico
Lemay V, Hoolahan J, Buchanan A. Impact of a Yoga and Meditation Intervention on Students' Stress and Anxiety Levels. American Journal of Pharmaceutical Education. 2019Jun;83(5):7001.
Vai alla fonte
Artículo científico
Martin AC, Keats MR. The Impact of Yoga on Quality of Life and Psychological Distress in Caregivers for Patients With Cancer. Oncology Nursing Forum. 2014May25;41(3):257–64.
Vai alla fonte
Artículo científico
Bock BC, Fava JL, Gaskins R, Morrow KM, Williams DM, Jennings E, et al. Yoga as a Complementary Treatment for Smoking Cessation in Women. Journal of Women's Health. 2012Feb1;21(2):240–8.
Vai alla fonte
Artículo científico
Piña AA, Shadiow J, Tobi Fadeyi A, Chavez A, Hunter SD. The acute effects of vinyasa flow yoga on vascular function, lipid and glucose concentrations, and mood. Complementary Therapies in Medicine. 2021Jan;56:102585.
Vai alla fonte
Artículo científico
Ni M, Mooney K, Signorile JF. Controlled pilot study of the effects of power yoga in Parkinson’s disease. Complementary Therapies in Medicine. 2016Apr;25:126–31.
Vai alla fonte
Recensioni