Ultimo aggiornamento: 30/07/2021

Come scegliamo

25Prodotto analizzati

19Ore impiegate

7Studi valutati

85Commenti raccolti

Se sei un atleta, una persona anziana o soffri di malattie cardiache e/o polmonari, questo articolo è di tuo interesse. Probabilmente hai sentito parlare dei cardiofrequenzimetri, ma sai cos’è un pulsossimetro o pulsiossimetro? Se guardiamo l’etimologia della parola(pulsi-, impulso; oxi-, ossigeno; -metro, misura), possiamo dedurlo.

Il pulsossimetro è un piccolo dispositivo che ci permette di conoscere i nostri livelli di ossigeno nel sangue (SpO2) e il nostro polso (PR) in modo rapido e non intrusivo, semplicemente mettendolo su un dito. Questi due indicatori sono davvero rilevanti per questo gruppo di persone e quindi il pulsossimetro può essere un grande alleato nella loro vita. Di seguito ti spiegheremo come funziona, i valori tipici, dove puoi comprarlo e a che prezzo, tra le altre cose.




La cosa più importante

  • Pratici, portatili, non intrusivi, facili da usare e interpretare, economici ed efficaci: questi sono i pulsossimetri per uso domestico che puoi facilmente acquistare per monitorare la tua frequenza cardiaca e la saturazione di ossigeno nel sangue. Le più comuni e più raccomandate sono quelle a dita.
  • Oltre a queste caratteristiche, possiamo scegliere l’uno o l’altro, a seconda di elementi di differenziazione come il tipo di tecnologia dello schermo, il tipo di batteria, se ha il Bluetooth, la cerniera adattabile, ecc.
  • I pulsossimetri sono sempre più richiesti. Il loro uso è diffuso tra gli atleti, specialmente quelli che praticano sport ad alta quota, come il trail running, la mountain bike, l’arrampicata e l’aviazione sportiva.

Pulsossimetro: la nostra selezione

Guida all’acquisto: cosa devi sapere su un pulsossimetro

Se ti metti nei panni di un atleta ad alte prestazioni, dovresti monitorare almeno due costanti: la frequenza cardiaca e il livello di saturazione di ossigeno nel sangue. Fortunatamente, al giorno d’oggi non è necessario andare in ospedale per un tale controllo. Grazie ai pulsossimetri, possiamo scoprire queste informazioni rapidamente e facilmente.

deportista tomandose el pulso

Questa invenzione è anche molto adatta agli scalatori, ai trail runner, agli alpinisti, agli sciatori, ai ciclisti di montagna e ad altri sport simili. (Fonte: Olga Yastremska: 129577510 / 123rf.com)

Cos’è un pulsossimetro e a cosa serve?

Un pulsossimetro è un dispositivo medico che misura sia la frequenza cardiaca (HR) che la quantità di ossigeno nel sangue (SpO2) in un dato momento. È un dispositivo sia per applicazioni mediche (professionali) che domestiche (private), e in entrambi i casi offre una buona precisione. Il tasso di errore a livelli normali è intorno al 2%-3%.

Una frequenza di polso continuamente troppo alta o una bassa saturazione di ossigeno possono essere un sintomo di seri problemi di salute. È consigliabile valutare regolarmente o occasionalmente queste costanti.

Sapevi che i pulsossimetri possono dire agli atleti se sono nei livelli ottimali di allenamento o se dovrebbero rallentare?

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dei pulsossimetri?

I seguenti sono i principali vantaggi e svantaggi dei pulsossimetri per uso domestico/particolare:

Vantaggi
  • Facile e intuitivo
  • Piccolo, leggero e portatile
  • Previene e avverte dei problemi di salute
  • Economico
  • Risultati immediati
  • Buona precisione
  • Non intrusivo
Svantaggi
  • Errore di misurazione causato da: freddo ambientale/diminuzione della temperatura corporea/tremore della mano/luce forte, ecc.
  • I pazienti con grave anemia o grave ipossiemia possono alterare i dati

Quali tipi di pulsossimetri esistono?

Da un lato, ci sono quelli per uso medico (professionale) e dall’altro quelli per uso domestico/particolare (qui includiamo anche quelli per uso sportivo)

  • Uso medico/professionale: i pulsossimetri medici includono pulsossimetri da tavolo, palmari e da dito. I primi due sono molto più grandi e pesanti dei pulsossimetri da dito.
  • Peruso domestico: ci sono monitor da polso, anche se i più comuni e raccomandati sono i pulsossimetri da dito. Entrambi sono portatili. Ci sono anche orologi di fascia alta con pulsossimetro incorporato, ma il loro prezzo è molto più alto di un orologio da dito o da polso.

Dove si posiziona il pulsossimetro?

A seconda del tipo (da polso, da dito e da tavolo), sarà posizionato in un posto o in un altro. La cosa più importante è posizionarlo su una parte traslucida del tuo corpo con un buon flusso sanguigno. Normalmente, su un dito, anche se può essere posizionato anche sul lobo dell’orecchio.

È molto semplice, ma non dimenticare di seguire le raccomandazioni.

È molto importante sottolineare che l’unghia dove deve essere posizionato il dispositivo non deve essere dipinta, sporca o lunga, poiché, come abbiamo già detto, la parte da analizzare deve essere traslucida.

Come funziona un pulsossimetro?

Questo dispositivo consiste in un fotorilevatore e un sensore a forma di pinza, che proietta due diversi tipi di luce (una rossa e l’altra infrarossa) per rilevare il flusso sanguigno. Il sangue ossigenato viene rilevato dalla luce infrarossa e il sangue deossigenato dalla luce rossa. Nonostante la sua complessa tecnologia, è molto facile da usare.

Il dispositivo viene posizionato sul dito e visualizza due valori in pochi secondi: uno rappresenta la frequenza cardiaca (HR) e l’altro si riferisce alla saturazione dell’ossigeno nel sangue (SpO2). Per quest’ultimo, livelli tra il 95% e il 99% sono considerati accettabili (in pazienti sani). I valori inferiori all’80% sono indicati come ipossiemia grave. In termini di frequenza cardiaca, la normale frequenza delle pulsazioni a riposo negli adulti è tra i 60 e i 100 battiti al minuto.

Quando e per chi è raccomandato l’acquisto di un pulsossimetro?

Ci sono diversi gruppi per i quali un pulsossimetro è particolarmente raccomandato

  • Atleti altamente competitivi e/o persone che praticano attività ad alta quota (sciatori, scalatori, aviatori sportivi…)
  • Persone con problemi cardiaci o respiratori
  • Persone anziane
  • Bambini appena nati
  • Donne incinte
Valori di saturazione dell’ossigeno nel sangue inferiori al 90% sono considerati bassi e sono conosciuti come ipossiemia.

Dove comprare un pulsossimetro?

Attualmente è disponibile in farmacia, in alcuni supermercati e online. Il modo migliore per comprarne uno è online, dato che possiamo scegliere un buon pulsossimetro senza uscire di casa guardando e confrontando le diverse opzioni sul mercato. I

pulsossimetri sono davvero così utili per gli atleti?

Anche se i pulsossimetri sono stati creati negli anni ’70 per scopi strettamente medici, nel corso degli anni sono stati estesi anche al mondo dello sport grazie alla loro grande utilità ed efficacia.

La verità è che i pulsossimetri sono ancora associati a persone con polmonite, asma, insufficienza cardiaca o problemi respiratori. Ma questa invenzione è anche molto appropriata per scalatori, trail runner, alpinisti, sciatori, mountain biker e altri sport simili.

I pulsossimetri possono diagnosticare i coronavirus?

La risposta è no, ma possono avvisare di una mancanza di ossigeno nel sangue che può essere dovuta alla presenza di alcuni virus. A volte, il paziente sente chiaramente quel soffocamento, quella mancanza d’aria (dispnea).

Tuttavia, altre volte, non viene percepita, ma il paziente può soffrire di ipossia “felice” o “silenziosa” (carenza di ossigeno nel sangue). Raccomandazioni per un uso corretto del dispositivo

  • Tieni pulita e asciutta l’area dove deve essere effettuata la misurazione
  • Fallo quando sei a riposo ed evita il movimento
  • Evita di usarlo in ambienti con illuminazione molto intensa (solare, fluorescente, neon, ecc.)
  • Le temperature estreme possono distorcere i risultati, quindi si raccomanda di evitarle
  • Non raccomandato per l’uso con la febbre

Criteri di acquisto

Concentrandoci sui pulsossimetri di ambito particolare (domestico), e nello specifico su quelli da dito (i più comuni e raccomandati), evidenzieremo di seguito i principali elementi di differenziazione da prendere in considerazione quando si acquista un pulsossimetro:

Tipo di batteria

Anche se ci sono pulsossimetri con batterie al litio, i più comuni sono quelli con batterie (solitamente AAA). Le batterie sono solitamente incluse nell’acquisto del prodotto. Indipendentemente dal tipo di batteria, il dispositivo offre una lunga autonomia (più di 24 ore di uso continuo).

Per alcune persone, le batterie sono più convenienti, ma alcune persone preferiscono i dispositivi a batteria perché sono più sostenibili o per evitare di dover cambiare le batterie di tanto in tanto.

ciclista en carretera

L’uso dei pulsossimetri è sempre più diffuso negli sport per valutare la condizione fisica dell’atleta (Fonte: Victor Xok: Gi0OMNguFaw/unsplash.com)

Allarme

Alcuni dispositivi hanno un allarme per avvisare di risultati anomali. In questi casi, un valore limite per la saturazione di ossigeno (SpO2) può essere impostato. Se il risultato della tua misurazione è inferiore a questa soglia, il pulsossimetro emetterà un segnale acustico (se l’allarme è attivo).

Cerniera adattiva

Poiché non tutti hanno la stessa dimensione del dito, alcuni pulsossimetri hanno una cerniera per adattarsi alla dimensione del tuo dito. In questo modo, possono essere messi sulle dita di bambini, adulti.

Design

Proprio come i telefoni cellulari sono protetti da custodie, alcuni pulsossimetri hanno una custodia protettiva in silicone per proteggerli dagli urti. In termini di design del display, alcuni pulsossimetri visualizzano valori monocromatici e altri a colori. Quelli policromatici visualizzano il PR (frequenza cardiaca) in un colore e la saturazione di ossigeno (SpO2) in un altro.

Extra e/o accessori

È comune per alcuni pulsossimetri includere custodie e lacci da collo o da polso. Altri di fascia più alta hanno il Bluetooth, che ti permette di trasferire i valori ottenuti al tuo smartphone tramite un’APP, così come di osservare i valori in tempo reale. Questo è molto importante per gli atleti che vogliono monitorare la loro evoluzione fisica.

L’indice di perfusione (PI) è un indicatore extra offerto dai migliori pulsossimetri. Questo valore indica la forza del segnale del polso arterioso e quindi la zona migliore per la perfusione.

chica corriendo en montaña

I pulsossimetri sono molto utili per i trail runner (Fonte: Cameron Venti: I1EWTM5mFEM/ unsplash.com)

Sommario

Possiamo concludere che i pulsossimetri stanno diventando sempre più popolari. Perché? Perché è uno strumento per monitorare uno dei sintomi del coronavirus: la bassa saturazione di ossigeno nel sangue. Inoltre, si sta gradualmente estendendo al campo sportivo, per valutare la condizione fisica dell’atleta. “La salute è la cosa più importante“, come si diceva una volta.

Oltre a seguire abitudini sane e a fare controlli medici, è consigliabile avere dispositivi che aiutano a migliorare la nostra vita. In questo caso, i pulsossimetri. La tecnologia ha avuto un impatto sia negativo che positivo sulle nostre vite; ma è innegabile che sia un alleato nella nostra vita quotidiana. In termini di salute, è un supporto fondamentale; quindi investire in esso è sempre una buona idea.

(Featured image source: Olga Yastremska-: 128781137/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni