Muta in neoprene
Pubblicato: 02/02/2021

Come scegliamo

19Prodotto analizzati

23Ore impiegate

5Studi valutati

84Commenti raccolti

Le mute in neopreme non sono più esclusive dei sub professionali e ormai sono diventate popolari tra il grande pubblico. Il neoprene è un materiale impermeabile ed elastico, che viene utilizzato per realizzare le mute necessarie per le attività e gli sport acquatici. Protegge dalle basse temperature e permette di godersi l’acqua in qualsiasi periodo dell’anno.

Tuttavia non tutte le mute in neoprene sono uguali e bisogna saperle distinguere per poter scegliere bene. Da 1 mm a 6 mm di spessore se ne trovano di tanti tipi, destinate a diversi tipi di attività acquatiche. In questo articolo ti forniremo le linee guida di cui hai bisogno per trovare la giusta muta in neoprene per te e ti daremo alcuni consigli per prendertene cura e godertela al meglio.




Le cose più importanti in breve

  • Le mute in neoprene sono un must per chi vuole fare attività acquatiche in acque libere sotto i 18-20 gradi. I tipi principali sono da surf, nuoto e da sub. Indossare una muta è semplice, ma devi seguire alcuni passaggi per evitare di danneggiarla.
  • Che abbia o meno una cerniera è un fattore determinante nella scelta di una muta in neoprene.
  • Per scegliere la muta in neoprene bisogna tenere presente in quali acque la useremo. È inoltre necessario prestare attenzione a dettagli come lo spessore del neoprene, la taglia e le cuciture. Parleremo di questi e altri criteri di acquisto nella sezione finale dell’articolo.

Le migliori mute in neoprene sul mercato: la nostra selezione

L’offerta di mute in neoprene è molto ampia, vista la loro popolarità, quindi non è facile sceglierne una. Consapevoli di ciò, abbiamo scelto le migliori opzioni attualmente disponibili che hanno anche ricevuto valutazioni eccellenti. Dagli un’occhiata, potresti trovare la muta in neoprene che stai cercando!

La migliore muta in neoprene per il surf

La muta proposta da ZCCO è un’ottima soluzione per surfisti e sportivi, grazie alla sua copertura totale e all’elevata elasticità. Si tratta di una tuta lunga umida con uno spessore medio di 3 mm. Si chiude con una cerniera frontale e altre sugli arti, mentre sulle ginocchia sono predisposti dei pad rinforzati anti-abrasione.

È caratterizzata da un design semplice e moderno, ed è disponibile in varie taglie per uomo e donna. Chi l’ha indossata la reputa una muta di ottima qualità, comoda e resistente. Non ostacola le attività sportive e mantiene sufficientemente caldi.

La migliore muta in neoprene per immersioni

La Cressi Diver è una muta semi-asciutta monopezzo con cappuccio, dotata di cerniere YKK ad alta tenuta sulle caviglie e sul davanti. È inoltre rinforzata su spalle, ginocchia e glutei, per proteggere l’utente da abrasioni e sfregamenti con l’attrezzatura da sub. Per minimizzare lo scambio d’acqua con l’esterno, sono previsti polsi e caviglie bifoderati ed il sistema Acquastop.

La muta è interamente in neoprene elasticizzato, con uno spessore a scelta fra 5 e 7 mm, in base alla profondità e alla temperatura dell’acqua in cui verrà utilizzata. La calzata è molto stretta, quindi gli utenti che vogliono stare più comodi hanno scelto una taglia in più rispetto a quella suggerita. Ad ogni modo la muta gode di ottime recensioni, nelle quali si evidenzia l’ottima qualità dei materiali e la buona tenuta stagna.

La miglior muta in neoprene per donna

Ideale per le donne che amano stare comode, la SAEC Relax Short è una muta corta in neoprene con uno spessore di 2,2 mm. È perfetta per gli sport acquatici e lo snorkeling, e prevede una chiusura sulla schiena. È disponibile in varie taglie e vanta un prezzo molto conveniente.

Le acquirenti la ritengono una muta particolarmente comoda, e viene usata anche in piscina. Non costringe i movimenti e garantisce un’ottima mobilità, nonostante risulti attillata come da tradizione. Le cuciture sono ottime e i materiali sembrano piuttosto resistenti.

La migliore tuta in neoprene per bambini

La Cressi Shorty Kid è la miglior muta per bimbi e bimbe di età compresa tra i 2 e gli 8 anni. È infatti disponibile per ambo i sessi e in numerose taglie, per soddisfare le diverse fasce di età. È inoltre realizzata in neoprene all’80% e in elastan per il 20%, garantendo un’elevata elasticità. Infine, è anche acquistabile con maniche lunghe o corte e in diversi colori.

Lo spessore della muta è di circa 1,5–2 mm, mentre le cerniere sono YKK. Nel complesso si tratta di una muta dal prezzo relativamente contenuto ma realizzata con i migliori materiali, ottima per il mare e per la piscina. Genitori e figli ne sono entusiasti, senza evidenziarne alcun difetto.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulla muta in neoprene

Se non sei ancora convinto di comprare una muta in neoprene, lo comprendiamo. Sono infatti molte le cose da sapere, come le funzionalità del materiale, come prendersene cura e molto altro. Questa sezione ti aiuterà a chiarire ogni tuo eventuale dubbio al riguardo, in modo da non esitare più e procedere all’acquisto della migliore opzione per te. Iniziamo!

Uomo che fa surf

Le mute in neoprene sono un must per chi vuole fare attività acquatiche in acque libere sotto i 18-20 gradi. (Fonte: B Schus: 3671325/ Pexels.com)

Cos’è una muta in neoprene e a cosa serve?

Le mute in neoprene intere sono state attribuite a Jack O’Neill, creatore del famoso marchio. La sua idea era quella di poter praticare la sua passione, il surf, il più a lungo possibile. La sua utilità è stata estesa praticamente a qualsiasi uso sportivo o ricreativo in cui è necessario rimanere a lungo in acqua.

La chiave è nel materiale, il neoprene. Tra gli altri componenti, ha bolle di azoto che isolano dall’esterno. Inoltre lasciano passare un po’ d’acqua, che forma uno strato tra la nostra pelle e la muta. Riscaldandosi con la nostra temperatura corporea, questo sottile strato d’acqua interno ci tiene isolati dal freddo dell’acqua esterna.

Muta in neoprene lunga o corta?

Esistono due tipi principali di mute in neoprene: estiva – o corta – e invernale – o lunga. Esistono anche diversi modelli intermedi che combinano i due precedenti. La muta corta è più comoda di quella lunga e di solito è anche più economica. A prima vista, sembra essere un’opzione migliore rispetto al modello lungo, ma non lo è. A meno che tu non frequenti solo acque tropicali, difficilmente ti sarà utile al di fuori dei mesi estivi. E questo vale se nuoti nel Mediterraneo, perché la costa atlantica è abbastanza fredda anche in estate.

Se prevedi di acquistare una muta in neoprene utile per la maggior parte delle attività acquatiche, è meglio che sia lunga. Puoi usarla in estate e provare un po’ di calore, ma niente che non si risolva lasciando passare un po’ d’acqua dentro di essa. Con un modello corto hai le tue estremità esposte, con anche un maggior rischio di lesioni e sfregamenti.

Donne con muta intera

I tipi principali sono da surf, nuoto e da sub. (Fonte: Holden: 452572/ Pixabay.com)

Come sono le mute in neoprene per fare immersioni?

L’obiettivo della muta da sub è non far perdere il calore corporeo. A seconda che lasci passare un po’ o nessuna quantità di acqua può essere classificata in bagnata, semi-asciutta o asciutta. Lo spessore sarà maggiore rispetto alle altre mute, anche a parità di temperatura dell’acqua. Questo serve a proteggerti sotto il mare. Inoltre, le chiusure e le cerniere hanno guarnizioni rinforzate.

Come sono le mute in neoprene per il surf?

Con queste mute in neoprene devi trovare lo spessore giusto. Le mute lunghe sono più versatili, ma non sempre. Anche le cuciture contano, meglio sigillate che solo cucite. Dovrebbero essere sufficientemente flessibili e confortevoli da indossare e togliere. Scegliere la taglia giusta che si adatta perfettamente al tuo corpo è fondamentale.

Come sono le mute in neoprene per nuotare?

Le uniche mute in neoprene specificamente progettate per il nuoto sono quelle da nuoto e da triathlon. Potrebbe sorprenderti, ma il resto degli sport acquatici, come il kitesurf o il surf, non hanno tra le loro attività principali quella di nuotare a lungo. Sono mute progettate per altre funzioni, come proteggerti dal vento.

Con una muta in neoprene apposita, nuotare sarà più facile. Ridurrai l’attrito che l’acqua esercita sul tuo corpo grazie alla muta, che ti renderà più idrodinamico. Le due caratteristiche più importanti di una muta in neoprene da nuoto sono la galleggiabilità e la flessibilità.

  • Galleggiabilità. Risparmia parte del lavoro di mantenerci nella giusta posizione in acqua. Ciò si ottiene con neoprene di diversi spessori in varie parti della tuta. Meno sei esperto, migliore è la galleggiabilità per te.
  • Flessibilità. Ti permette di nuotare per ore senza provare fastidio alle spalle. Se sei un nuotatore esperto o vuoi diventarlo, dovresti scegliere una buona flessibilità. Maggiore è la galleggiabilità, minore è la flessibilità e viceversa.

Uomini che tornano da fare surf

La cerniera o l’assenza di essa sono fattori importanti nella scelta di una muta in neoprene. (Fonte: Pexels: 1853903/ Pixabay.com)

Come si indossa una muta in neoprene?

Se è la prima volta che usi una muta in neoprene, tieni presente che è normale che all’inizio ti stringa un po’, ma non troppo o altrimenti significa che avrai la taglia sbagliata. Deve adattarsi perfettamente e non avere pieghe, altrimenti non farà bene il suo lavoro. Ricorda che si allenta nel tempo, quindi non preoccuparti se ti sembra stretta all’inizio, il comfort arriverà quando sarai in acqua.

Applica un lubrificante specifico prima di indossarla, nei punti dove ci sarà maggiore attrito, come il collo, i gomiti o le ginocchia. Ti renderà più facile indossare il neoprene, toglierlo e muoverti con esso evitando l’attrito. E sii paziente, assicurandoti che ogni parte aderisca dove dovrebbe, senza tirare per evitare di strappare la muta.

Fai attenzione alle unghie delle mani e dei piedi. Un buon trucco è usare sacchetti di plastica o calzini che coprano i piedi e le mani mentre indossi la tuta. Fai anche attenzione a dove indossi la tuta. Posiziona un asciugamano se ti trovi, ad esempio, sul pavimento di un parcheggio o sulla sabbia della spiaggia stessa.

Muta in neoprene con o senza cerniera?

Le mute in neoprene di dividono in due grandi gruppi in base a come è la chiusura. Alcune infatti non hanno la cerniera, mentre altre ne hanno una sulla schiena o sul petto. Vediamo le loro differenze.

  • Chiusura con cerniera sulla schiena. Sono facili da indossare e da togliere, ma ci entra più acqua di quanto dovrebbe. È la chiusura indossata dalle mute in neoprene per principianti. Di solito hanno un nastrino per poter utilizzare la cerniera più facilmente.
  • Chiusura con cerniera sul petto. Per evitare che troppa acqua penetri nella muta in neoprene, sono state inventate le cerniere frontali orizzontali. Sono però mute un po’ più scomode da indossare e da togliere.
  • Senza cerniera. L’idea è che entri meno acqua possibile e che le braccia abbiano più libertà di movimento. Non sono troppo complicate da indossare e da togliere, ma a volte la parte del collo – che è molto flessibile – cede e fa entrare l’acqua.

Mute in neoprene stese ad asciugare

Se prevedi di acquistare una muta utile per la maggior parte delle attività acquatiche, è meglio che sia lunga. (Fonte: Braxmeier: 59112/ Pixabay.com)

Come si sceglie una muta in neoprene per bambini?

Devi sempre tener presente che i piccoli di casa hanno bisogno di più protezione dal sole e dal vento rispetto agli adulti. La cosa normale però è fargli indossare delle mute per fare il bagno al mare, in piscina o in acque dolci, senza grandi pretese. Comunque sia, devi tenere presente i seguenti criteri quando scegli una muta per bambini.

  • Spessore del neoprene. Se è solo per l’estate, scegli un modello corto. È sottile, di circa 2 mm di spessore, il che fornisce mobilità e flessibilità. Inoltre protegge dagli agenti esterni molto meglio di un semplice costume da bagno.
  • Design attraente. Quasi tutti noi abbiamo sofferto nel vedere un bambino che rifiuta di indossare un indumento perché non ne gradisce il design. La muta in neoprene non sarà da meno. Scegline una con colori e forme che catturino la sua attenzione.
  • Chiusura. Meglio con la cerniera. Entrerà più acqua, ma è più facile da rimuovere e indossare, qualcosa che impedirà al bambino di associare il neoprene al disagio.
  • Taglia. Dimentica di acquistare una taglia o due in più affinché duri più a lungo. Deve adattarsi alla sua taglia attuale per proteggerlo veramente. Deve aderire come una seconda pelle ed essere confortevole.

Donna con muta corta che fa kitesurf

Le uniche mute in neoprene specificamente progettate per nuotare sono quelle da nuoto e dal triathlon. (Fonte: Aust: 4342020/ Pixabay.com)

Criteri di acquisto

La chiave per scegliere una muta è nelle tue esigenze. Non è lo stessa cosa usarla d’estate per goderti l’acqua nelle giornate meno calde che se vivi di fronte al mare e vuoi fare il bagno d’inverno. La scelta non sarà la stessa se vivi in Sicilia o in Liguria. Qui di seguito ti offriamo alcune linee guida in modo da non sbagliare nella tua scelta.

Taglia

La scelta della taglia è uno dei fattori chiave nella scelta di una muta in neoprene. Se ne acquisti uno troppa larga, entrerà troppa acqua e non svolgerà la sua funzione principale: proteggerti dal freddo. Se ne scegli una troppo stretta, ti impedirà di muoverti liberamente. Per questo è così essenziale scegliere una taglia giusta.

Per prima cosa, misura la tua altezza a piedi nudi. Puoi farlo vicino a un muro. Secondo, misura il contorno del torace appena sotto l’ascella. Dovresti anche misurare la vita e i fianchi, questi ultimi appena sotto la parte posteriore, con le gambe leggermente divaricate. Infine, pesati senza vestiti e confronta tutte le misure con le tabelle delle taglie dei produttori.

Bimba sulla spiaggia

Dobbiamo tenere presente che i piccoli di casa hanno bisogno di più protezione dal sole e dal vento rispetto agli adulti.(Fonte: Quintanilla: 114635394/ 123rf.com)

Spessore del neoprene

Le mute in neoprene hanno funzioni diverse in base al loro spessore. Normalmente vanno da 1 a 6 mm, salvo casi molto particolari. Le mute corte o estive di solito non superano i 2 mm. In questo caso non avrebbe senso più spessore, poiché sono le temperature inferiori a 18 °C che richiedono già una maggiore protezione.

Quando scegli la tua muta, nelle sue specifiche tecniche vedrai espressioni come 3/2 o 5/4. La prima cifra si riferisce allo spessore del neoprene nel busto o nella parte centrale —3 o 5 mm—, mentre la seconda indica lo spessore nelle braccia e nelle gambe, 2 e 4 mm. Questo minor spessore alle estremità è ciò che consente una maggiore mobilità.

Zone dove utilizzerai la muta

Se non hai intenzione di lasciare le coste italiane e vuoi avere solo una muta in neoprene, un’opzione lunga con 3/2 di spessore dovrebbe essere più che sufficiente. Il Mar Mediterraneo varia da massime e minime tra 14 °C in inverno e 25 °C in estate. Una muta di spessore 3/2 ti proteggerà bene nelle stagioni più fredde e non ti farà troppo caldo in estate.

La costa oceanica è generalmente più fredda. Tuttavia, in alcuni punti la temperatura è sempre intorno ai 12 °C, dove l’uso di una muta in neoprene di spessore 3/2 è ancora ottimale. Se te lo puoi permettere, puoi anche acquistare una versione corta con spessore 2/2 per il comfort estivo e ricoprire così tutte le tue diverse esigenze.

Cuciture

Per quanto riguarda il tipo di cuciture, puoi trovare due tipi di mute. Da una parte trovi quelli che hanno meno pezzi e, quindi, meno cuciture, che riduce la possibilità che l’acqua penetri. Nella maggior parte dei casi hanno cuciture di alta qualità attraverso le quali non entra quasi acqua.

Le mute più economiche hanno cuciture piatte, quindi l’acqua filtra facilmente. Quelle di fascia alta invece vengono cucite e incollate, quindi le infiltrazioni d’acqua sono quasi inesistenti. Inoltre, le cuciture di queste mute di solito hanno una termosaldatura che impedisce ancora di più l’ingresso di acqua.

Particolare di una muta in neoprene

Se intendi utilizzare la tua muta per attività come il surf, cercane una flessibile. (Fonte: Kiwistudio: 150741873/ 123rf.com)

Conclusioni

Fino a non molti anni fa, le mute in neoprene erano capi esclusivi per atleti e appassionati di sport acquatici. Al giorno d’oggi, invece, vengono utilizzate da chiunque voglia praticare attività acquatiche comodamente e in sicurezza. In questo articolo abbiamo cercato di avvicinarti un po’ a questo capo così utile.

Saper scegliere la muta più adatta e imparare a indossarla sono state alcune delle cose che abbiamo cercato di insegnarti. Ti abbiamo anche offerto alcuni brevi criteri di acquisto, molto utili vista l’ampia varietà di mute presenti sul mercato.

Se il nostro articolo ti è stato utile, puoi condividerlo sui tuoi social network, così aiuterai altre persone. E se lo desideri, lasciaci un tuo commento.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Nunes: 23015283/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni