Ultimo aggiornamento: 12/08/2021

Come scegliamo

11Prodotto analizzati

16Ore impiegate

3Studi valutati

78Commenti raccolti

Benvenuto su ReviewBox Brasil! L’argomento di oggi è la colla per legno. Se hai intenzione di fare semplici riparazioni in casa, lavorare con l’artigianato o possedere una falegnameria, hai certamente bisogno di questo strumento per ottenere i risultati ideali!

Ci sono diversi tipi di colle che possono essere applicate al legno. Quella che di solito viene venduta sotto il nome di “colla per legno” è il PVA giallo, ma come vedremo nel corso dell’articolo, non è sempre l’opzione migliore.

Quindi, per chiarire tutti i tuoi dubbi su questo argomento, resta con noi! Ti trasmetteremo tutte le informazioni di cui hai bisogno per fare il miglior lavoro possibile.




Innanzitutto, la cosa più importante

  • Le colle più comuni per incollare il legno al legno sono il PVA bianco, il PVA giallo e la colla per schiacciare o la colla Hide Glue (Titebond). Tutti hanno i loro vantaggi e svantaggi.
  • Non qualsiasi colla per legno va bene per ogni lavoro. Alcuni tipi hanno serie restrizioni, o perché sono tossici o perché non supportano fattori come l’umidità o il calore. Conosci bene l’uso dell’oggetto che intendi incollare!
  • Le colle di tipo PVA sono molto economiche: piccole bottiglie costano circa 5€. Sappi sempre quanto lavoro dovrai fare per comprare la quantità ideale di colla e non soffrire di carenze o sprechi.

Colle per legno: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Guida all’acquisto

Come puoi essere sicuro di quale tipo di colla per legno sia giusta per i tuoi lavori? Ti daremo tutte le informazioni qui sotto così saprai esattamente di cosa hai bisogno!

Che si tratti di falegnameria, artigianato o riparazione della casa, sei sicuro di fare la scelta ideale!

Imagem mostra um homem sentado fazendo trabalhos em madeira.

La falegnameria è una delle attività più antiche dell’umanità. (Fonte: joenomias / Pixabay)

Cos’è la colla per legno e a cosa serve?

La colla specificata come “colla per legno” di solito serve per incollare legno a legno. Ci sono altri tipi di colla, come l’epossidica, che sono utilizzati per unire il legno ad altri materiali come tessuti o metalli.

Anche così, è importante sapere come fare buon uso di una colla per legno. Molti utensili per la casa, mobili e arti e mestieri non usano altri materiali, quindi le colle che ricevono questa specifica finiscono per essere molto utili.

L’importante è sapere quali sono le tue esigenze. Quanta colla sarà necessaria? Entrerà in contatto con l’umidità? Verrà utilizzato per i pasti? Tutto questo è fondamentale quando si tratta di scegliere l’opzione migliore per te!

Sapevi che la falegnameria è una delle attività più antiche dell’umanità? Ce ne sono testimonianze nella Bibbia, per esempio. Saper lavorare il legno è sempre stata un’arte e ancora oggi sono apprezzati gli artigiani che sono bravi con questo materiale.

Nei tempi antichi, non c’era molta scelta per la colla. Il più comune era il grasso animale (che viene ancora utilizzato!). Ma puoi immaginare il lavoro tra la sua estrazione, trasformazione e utilizzo senza alcun aiuto industriale?

Quali sono i tipi di colla per legno nel mercato brasiliano?

Ci concentreremo su tre tipi principali chiamati “colla per legno” nel mercato brasiliano: PVA bianco, PVA giallo e crush (o Titebond).

Le colle PVA bianche e gialle sono abbastanza simili. Le loro differenze sono nel tempo di presa, cioè quanto tempo lasciano il legno totalmente incollato, e nelle macchie prodotte. La colla PVA bianca vince nel primo aspetto, mentre la colla PVA gialla vince nel secondo.

Sia la PVA gialla che quella bianca non sono raccomandate per oggetti che verranno a contatto con l’umidità e sono in qualche modo tossiche. Pertanto, evita di usarle su utensili da cucina o utensili che hanno bisogno di essere lavati costantemente.

È proprio qui che entra in gioco la colla schiacciante di Hide Glue. Ha resistenza all’umidità e non è affatto tossica, facendo sì che molte persone la preferiscano.

Controlla in dettaglio gli aspetti di ogni tipo di colla nella tabella sottostante:

White PVA Yellow PVAa Titebond
Vantaggi Costo-efficace, pulizia del lavoro Costo-efficace, aderisce più velocemente Non è tossico e ha resistenza all’umidità
Svantaggi Nessuna resistenza all’umidità, tossico, aderisce lentamente Nessuna resistenza all’umidità, tossico, lascia macchie su certi materiali Prezzo molto più alto delle colle di tipo PVA
Applicazioni Oggetti che non saranno usati in cucina, né avranno contatto con l’umidità Oggetti che non saranno usati in cucina, non avranno contatto con l’umidità, né sono facilmente macchiati Chiunque, ma in particolare gli oggetti da cucina o quelli che avranno contatto con l’umidità

Oltre a questi tre tipi, ce ne sono altri che vale la pena menzionare:

  • Colla epossidica. Molto efficiente, ma necessita di abilità manuale e fa un sacco di sporco.
  • Colla di cocco. Fatto di proteine animali, ma venduto in compresse (a differenza di Hide Glue, che è già pronto), è ottimo per chi ha pazienza, ma è molto complicato da usare.
  • Colla istantanea (famosa come SuperBonder). È versatile, ma tossico e limitato ai tipi di legno.
  • Colla per calzolai. Usato in certe situazioni che coinvolgono l’uso del legno nell’arazzo.

Guarda il video qui sotto dal canale YouTube di Adílson Pinheiro che dà le sue impressioni su nove tipi di colla usati in falegnameria:

Quanto costano le colle per legno?

I prezzi della colla per legno possono variare a seconda della quantità e del tipo. Le colle PVA sono le più economiche e facili da trovare. Le bottiglie piccole partono da 5€, mentre i barili da 50 kg possono essere trovati a circa 450€.

La colla Crush è più costosa, con bottiglie da 473 ml di Titebond che costano circa 40€. Anche ogni altro tipo di colla avrà le sue varianti: un tubo da 100g di epossidica, per esempio, costa da 7€.

Criteri di acquisto: Fattori importanti da prendere in considerazione quando si compra una colla per legno

Oltre a tutto quello che abbiamo già menzionato, ci sono altri fattori che dovrebbero essere presi in considerazione prima dell’acquisto. Abbiamo fatto una lista dei più importanti

  • Quantità di colla
  • Data di scadenza
  • Resistenza all’acqua
  • Resistenza all’espansione
  • Materiali da incollare

Spiegheremo ognuno di loro qui sotto.

Imagem mostra um martelo com partes em madeira e metal ao lado de um tubo de cola.

Devi sapere quali materiali verranno incollati per scegliere la colla giusta. (Fonte: counselling / Pixabay)

Quantità di colla

Abbiamo già dimostrato che ci sono colle che vanno da piccole bottiglie da 100 ml a barili da 50 litri. In altre parole, per piccole riparazioni domestiche e per servizi professionali costanti. Di cosa hai bisogno?

Devi sapere cosa farai e quanta colla userai per comprare la giusta quantità. In questo modo eviterai di sprecare o di dover fare un nuovo acquisto perché non ne hai abbastanza per il servizio di cui hai bisogno.

Validità

La validità è legata al punto precedente: se compri una quantità di colla maggiore di quella che ti serve, avrai grandi avanzi. E da quel momento in poi, potresti passare un lungo periodo fino alla data in cui non sarà più utile.

Una buona idea se non sai di quanta colla hai bisogno è di stimare al rialzo. In questo modo non dovrai fare un secondo acquisto nel bel mezzo del lavoro. Ma se non hai a che fare frequentemente con il materiale, l’ideale è non avere una colla che scade rapidamente in modo da averla ancora quando ne hai bisogno.

Resistenza all’acqua

Come abbiamo menzionato nella sezione sui tipi di colla, nella Guida all’acquisto sopra, la colla Titebond è la più indicata se l’intenzione è quella di incollare pezzi di legno che entreranno in contatto con l’acqua. Oltre ad essere atossica, la sua resistenza all’acqua è molto più alta di quella delle colle PVA gialle e bianche.

Resistenza all’espansione

Oltre alla resistenza all’umidità, che abbiamo già menzionato, ce n’è un’altra che può essere importante: la resistenza all’espansione. Se l’oggetto da incollare entrerà in contatto con il calore (specialmente pentole o altri utensili che verranno riscaldati), è necessario osservare questa caratteristica della colla.

Se la colla non ha resistenza alla dilatazione, l’oggetto si staccherà rapidamente. Pertanto, sii consapevole se questo è il tuo caso e fai la scelta giusta!

Materiali da incollare

Ribadiamo ancora una volta che le colle menzionate in questo articolo sono per unire legno a legno. Quando si tratta di altri materiali, come metalli, tappezzeria o plastica, devi risistemare i tipi che fanno un buon lavoro.

Per la tappezzeria, raccomandiamo la colla da calzolaio. Per la maggior parte degli usi, la resina epossidica fa un lavoro eccellente. Le prestazioni dei PVA, a seconda del materiale, non sono molto soddisfacenti.

(Featured image source: Counselling / Pixabay)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni