Ultimo aggiornamento: 11/08/2021

Come scegliamo

12Prodotto analizzati

18Ore impiegate

2Studi valutati

39Commenti raccolti

Dando origine a dipinti delicati, con un certo grado di trasparenza e luminosità, l’acquerello è una delle vernici più utilizzate ed è il tema dell’articolo di oggi qui a Pazziperil fitness, benvenuto!

Con la sua apparizione datata dal secondo secolo a.C. l’acquerello è prodotto con una serie di ingredienti e pigmenti e il suo utilizzo si basa sulla miscela di vernice e acqua, che è responsabile di dare l’effetto tanto desiderato da artisti e consumatori.

E se vuoi iniziare ad avventurarti nell’universo di questa tecnica, ma hai ancora dei dubbi sull’acquerello, devi sapere che hai appena trovato il testo che risponderà a tutte le tue domande. Allora, che ne dici di mettere la musica del famoso Toquinho a suonare e continuare a leggere per sapere tutto?




Innanzitutto, il più importante

  • L’acquerello è un tipo di pittura che deve sempre essere utilizzato in associazione con l’acqua per ottenere l’effetto trasparente desiderato.
  • Ci sono diverse categorie di acquerello definite in base al tipo di pigmento utilizzato nella sua fabbricazione e ci sono acquerelli scolastici, studenteschi, semi-professionali e professionali.
  • È possibile trovare questo prodotto in tubi, in forma liquida o in compresse di vari colori.

Acquerello: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Disponibili in varie presentazioni, colori e kit, i colori ad acquerello sono prodotti da diverse marche e in una vasta gamma di sfumature. Proprio per questo motivo è difficile scoprire quali sono quelli con la più alta qualità ed è per aiutarti in questo che abbiamo preparato questa lista con le migliori opzioni, controlla:

Guida all’acquisto

L’acquerello è una delle pitture più antiche con le caratteristiche più notevoli. La sua trasparenza è la principale e grazie a ciò è possibile creare diversi dipinti notevoli con una grande quantità di dettagli ed effetti.

Questo prodotto, ampiamente utilizzato dai professionisti e anche dai dilettanti, presenta una serie di particolarità e curiosità ed è per mostrartele tutte che abbiamo preparato questa Guida all’Acquisto. Qui troverai informazioni sui vantaggi dell’acquerello, il suo prezzo medio, come usarlo e molto altro.

 Na foto um senhor pintando uma paisagem em um quadro no meio de um espaço ao ar livre.

I dipinti ad acquerello hanno diverse intensità di colori e vari effetti che danno un tocco differenziato nel disegno. (Fonte: JakeWilliamHeckey / Pixabay)

Cos’è l’acquerello e da cosa è composto?

L’acquerello è un tipo di vernice che deve essere diluita in acqua per essere utilizzata. Quando entra in contatto con l’acqua, i suoi pigmenti vengono trasferiti sulla superficie, dando così origine al dipinto.

Quando l’acqua evapora, si formano delle macchie trasparenti sulla carta e l’opera è pronta. È composto da quattro ingredienti principali che sono

  • Gomma d’acacia
  • Pigmenti
  • Glicerina
  • Agenti bagnanti

La gomma arabica funziona come legante, cioè è responsabile del fissaggio del colore sulla carta. I pigmenti sono quelli che danno il colore desiderato all’inchiostro e possono essere organici, inorganici o minerali e sintetici, mentre la glicerina agisce come aiutante plastificante.

Pertanto, l’acquerello si trova in diverse tonalità e categorie, e ci sono quelli professionali, quelli per studenti e quelli per le scuole, che sono spesso usati dai bambini.

Inoltre, questo prodotto è venduto sotto forma di compresse, liquidi o tubi, che possono essere acquistati singolarmente o in set di palette.

Sapevi che la gomma arabica è anche ampiamente utilizzata nell’industria farmaceutica, alimentare, delle bevande e dei cosmetici? Ha le qualità di essere totalmente solubile in acqua e di essere un tipo di legante sicuro, che non rappresenta alcun rischio per gli utenti. Un altro fatto curioso è che il Senegal e il Sudan sono due fornitori specializzati di questa materia prima.

Quando è apparso l’acquerello?

L’acquerello

è apparso a metà del II secolo a.C. A quel tempo veniva utilizzato per dipingere materiali come carta, pelle e tela. Infatti, fu grazie alla maggiore circolazione della carta che questo tipo di pittura si diffuse nel XV secolo.

Un altro periodo storico in cui l’acquerello fu ampiamente utilizzato fu il Medioevo, quando si diffuse in paesi come l’Inghilterra, la Francia e l’Italia, essendo ampiamente utilizzato per dipingere incisioni su legno.

All’inizio del suo utilizzo, la tecnica non era molto apprezzata poiché alcuni la consideravano troppo femminile, di qualità inferiore rispetto ad altri tipi di pittura e che non aveva bisogno di tanta tecnica da parte del pittore.

A quel tempo i pigmenti venivano presi da pietre, piante e altri componenti naturali macinati e mescolati con ingredienti come olio, acqua e tuorli d’uovo. C’erano diverse materie prime che venivano utilizzate per estrarre i colori e il tono giallo veniva dallo zafferano, il nero dal legno bruciato o dalla fuliggine, il verde dal rame e il viola dalle conchiglie marine macinate.

Quali sono le principali proprietà dell’acquerello?

La pittura ad acquerello ha alcune proprietà che sono essenziali per definire il suo utilizzo e anche la qualità del pigmento utilizzato nella sua fabbricazione. Di seguito ti spieghiamo ognuno di loro

  • Trasparenza: la caratteristica principale di una pittura ad acquerello è la sua trasparenza e questa è anche una delle sue principali proprietà. Maggiore è la trasparenza del colore maggiore è la sua luminosità e grazie a ciò è possibile fare una sovrapposizione creando un nuovo tono senza perdere la luminosità.
    Pertanto, le vernici che presentano una grande trasparenza sono considerate di qualità superiore.
  • Opacità: ci sono vernici per acquerello che hanno come caratteristica l’opacità e quindi non hanno brillantezza. Questi possono essere utilizzati insieme a quelli lucidi, il che dà origine al nome di miscela sporca.
  • Colori con poca adesione: Sempre parlando di colori ci sono quelli che presentano poca adesione. Questi hanno la caratteristica di staccarsi più facilmente dalla carta, il che può essere positivo o negativo. Con questi acquerelli è possibile rimuovere il colore in alcuni punti specifici per creare effetti di luce o applicare un altro tono al suo posto, senza contare che in caso di errori di pittura, questa proprietà facilita anche la riparazione.
  • Capacità di adesione: Seguendo la questione dell’adesione, ci sono inchiostri che vengono via più facilmente e quelli che sono più difficili da rimuovere dalla carta. Normalmente, quelli con colori meno colorati sono meno aderenti e quindi più facili da rimuovere.
  • Permanenza: un’altra proprietà che determinerà la qualità della pittura ad acquerello è la sua capacità di sopravvivere all’azione del tempo dopo la pittura. Le vernici che non hanno una buona permanenza finiscono per modificare le loro proprietà, il che può causare il cambiamento del colore o addirittura la sua scomparsa dalla carta.
  • Granulazione: L’ultima proprietà dell’acquerello è la granulazione, che è qualcosa di naturale di questo tipo di pittura, definita come la consistenza che appare quando viene applicata su una superficie. A questo proposito, ci sono pigmenti che presentano una maggiore granulazione naturale e altri in cui questo effetto è ottenuto attraverso additivi.

Na foto um coração rosa pintado em um papel com tinta aquarela ao lado de uma paleta de tintas e pincéis.

I colori per acquerello hanno bisogno di presentare colori brillanti che rimangono sulla carta per molto tempo. Queste sono le qualità principali che il prodotto deve avere. (Fonte: stux / Pixabay)

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dell’acquerello?

L’acquerello è una pittura ideale per dipinti delicati in cui si desidera ottenere un certo grado di trasparenza e luminosità. Grazie a queste caratteristiche è possibile sovrapporre i colori per creare nuove sfumature.

Rispetto alle vernici acriliche, hanno il vantaggio che una volta asciutte basta diluirle con acqua per usarle di nuovo, avendo così un’alta durata.

Un altro punto positivo è che questo tipo di vernice, se ha poca tinta, di solito viene via facilmente con l’acqua e quindi è possibile creare diversi effetti.

Tuttavia, ha lo svantaggio che gli errori tendono ad apparire di più quando si usa l’acquerello, proprio a causa della sua trasparenza, oltre al fatto che alcune vernici più economiche finiscono per avere un minor grado di permanenza, che può col tempo alterare i colori del dipinto o addirittura scomparire.

Vantaggi
  • Ideale per dipinti delicati
  • Ha trasparenza e alta brillantezza
  • Può essere recuperato se messo a contatto con l”acqua
  • È possibile creare nuove sfumature e diversi effetti con esso
Svantaggi
  • Tende a mostrare più errori di pittura
  • Alcuni hanno un basso grado di permanenza danneggiando la durata del lavoro

Come dipingere con l’acquerello?

È possibile utilizzare la pittura ad acquerello in diversi modi e un buon modo per ottenere buoni risultati è creare uno schizzo del disegno. Per fare questo, puoi usare una matita o una matita meccanica con tratti molto morbidi su carta asciutta, in modo che dopo l’applicazione del colore non si vedano.

Un altro modo di usare la pittura ad acquerello è quello di bagnare la carta prima di iniziare a dipingere. Questo ti permette di creare diversi effetti e mescolare i colori. Inoltre, un consiglio è che più acqua usi, più la pittura sarà diluita e più chiara.

Con questo, per ottenere l’intensità del colore desiderato, puoi avere della carta da disegno in giro per continuare a disegnare tratti mentre diluisci la pittura.

I pennelli usati per questa tecnica sono di solito a manico corto, rotondi e dovrebbero avere come proprietà principali quella di essere morbidi e avere una buona capacità di portare la pittura.

Na foto um pincel sendo colocado em cima de uma paleta de tintas.

I pennelli per acquerello dovrebbero essere molto morbidi. (Fonte: ulleo / Pixabay)

Ci sono opzioni di capelli naturali e sintetici. Quelli naturali finiscono per essere più costosi, ma hanno una buona punta, e possono essere utilizzati sia in lavori delicati che in quelli più astratti e più grandi, avendo una qualità superiore.

Oltre ai pennelli, è anche possibile utilizzare altri strumenti come rulli, spugne, tovaglioli di carta accartocciati, spazzolini da denti, carte vetrate e lame, che danno diversi effetti nella pittura ad acquerello.

Infine, ricorda che dipingere con l’acquerello è un esercizio di pazienza. Per controllare la pittura sulla carta è importante dipingere sempre poco a poco, in questo modo si asciugherà più velocemente e ci saranno anche meno possibilità che si sparga sulla carta.

Un consiglio essenziale quando si dipinge con l’acquerello è che prima di applicare un colore diverso accanto o sopra un altro, è importante che quello che è già stato dipinto sia completamente asciutto. Se questo non viene rispettato, può finire per causare una sfocatura e rovinare il dipinto.

Qual è la differenza tra la pittura ad acquerello e il guazzo?

Quando si pensa che l’acquerello è una pittura che ha bisogno di acqua per essere utilizzata molte persone lo confondono con il guazzo, tuttavia, nella preparazione e nell’utilizzo sono entrambi molto diversi.

La pittura a guazzo ha una base fatta di acqua, gomma arabica, pigmento e una sorta di vernice bianca, che è responsabile di renderla opaca. Grazie a questo è possibile ottenere colori più scuri e opachi, a differenza di quello che si ottiene con l’acquerello.

La grande differenza tra i due è che l’acquerello ha una base più solubile in acqua e quindi diventa più trasparente. Il guazzo, come l’acquerello, è anche solubile in acqua, permette di mescolare i colori e si asciuga rapidamente, ma a differenza dell’acquerello, è più facile da usare.

Vernice a guazzo Aquarela
Composizione Gomma arabica, pigmenti, glicerina e agenti bagnanti Acqua, gomma arabica, pigmento e vernice bianca
Caratteristiche Trasparente, ha un’alta brillantezza e un’intensità di colore variabile Colori scuri, opachi e ad asciugatura rapida
Livello di difficoltà Necessita di tecnica per ottenere buoni risultati Non ha bisogno di molta tecnica e può essere usato facilmente dai bambini

Quanto costa?

Gli acquerelli sono venduti in diversi modi ed è possibile acquistare tubi, secchi e tavolozze con diverse quantità di colori. Esistono anche acquerelli professionali, per studenti e per scuole, che cambiano anche il loro prezzo.

In generale, è possibile trovare questo prodotto per 4 €, se parliamo di colori singoli e per scuole, fino a circa 1.200 €, nel caso di un kit professionale con diversi colori. Cioè, ci sono opzioni per tutte le esigenze e le tasche.

Na foto um caderno com pincéis de pintura e uma paleta de tintas aquarela sobre uma mesa de madeira.

Maggiore è il numero di colori in una tavolozza di colori ad acquerello, più è costosa. (Fonte: Pexels / Pixabay)

Criteri di acquisto: fattori per confrontare le opzioni di acquerello disponibili

Ora che hai scoperto tutto sulla pittura ad acquerello è il momento di sceglierne una per produrre bellissime opere ed è per aiutarti in questo compito che abbiamo separato i punti principali che dovresti prendere in considerazione al momento dell’acquisto, essi sono

  • Classificazione dell’acquerello
  • Tipo di pigmento
  • Presentazione dell’inchiostro
  • Carta

Di seguito ti spieghiamo ognuno di loro e dopo sarai pronto per fare il tuo acquisto e mettere la vernice sul pennello.

Classificazione degli acquerelli

Gli acquerelli si dividono in tre classi che sono: professionali, per studenti e per scuole.

Le vernici professionali sono prodotte con pigmenti di alta qualità e durata, grazie a questo finiscono per avere un prezzo elevato. Alcune marche che hanno prodotti in questa categoria sono Winsor and Newton Artists, Daler-Rowney Artists e LUKAS Aquarell 1862.

I colori per studenti sono anche chiamati semi-professionali. Portano nella loro composizione ingredienti simili a quelli professionali, facendo alcune sostituzioni con pigmenti più economici o con meno additivi. Hanno un prezzo più basso e sono prodotti da marche come Talens Van Gogh, Schmincke Akademie, tra le altre.

Parlando ora delle pitture scolastiche, queste sono prodotte con pigmenti sintetici più economici o anche coloranti, il che le rende le più accessibili. Alcune marche che di solito lavorano con gli acquerelli scolastici sono Pentel, Faber-Castell e Reeves.

Na foto um menino louro com as mãos todas pintadas de tintas de diferentes cores.

Gli acquerelli scolastici sono più adatti ai bambini e hanno una qualità e un prezzo inferiori a quelli appartenenti ad altre categorie. (Fonte: Sharon McCutcheon / Pexels)

Tipo di pigmento

Un’altra particolarità degli acquerelli è che possono essere fatti con diversi tipi di pigmenti. Ci sono poi quelli inorganici o minerali, quelli organici e quelli sintetici

  • Inorganici o minerali: hanno origine minerale e sono stati i primi ad essere utilizzati nella fabbricazione dell’acquerello.
  • Organici: Sono derivati da piante e animali e sono i meno utilizzati, dato che non hanno un’alta permanenza e opacità. Anche se sono di origine animale, alcuni non possono essere prodotti a causa della minaccia di estinzione di alcune specie.
  • Sintetici: sono quelli con più lucentezza, permanenza e qualità, essendo i più moderni e creati dalla manipolazione di vari elementi chimici. Questi sono di solito i preferiti.

Presentazione della vernice

Questo tipo di vernice è disponibile in tubi, compresse e in forma liquida. Tutti questi tipi hanno la stessa qualità, ma quale scegliere dipende molto dalla forma d’uso.

Le custodie che hanno i colori ad acquerello in compresse sono facili da trasportare e spesso sono già dotate di aree che funzionano come tavolozze per dipingere. I tubetti, d’altra parte, sono più indicati per dipinti più grandi perché contengono una maggiore quantità di prodotto.

Nel caso dell’acquerello liquido è comune utilizzarli in creazioni che richiedono più vivacità di colori, perché sono più saturi rispetto alle altre presentazioni, senza contare che si asciugano anche più velocemente.

Na foto um caderno com canetas de pintura em cima e ao lado esquerdo diversas bisnagas coloridas de tinta aquarela.

I colori acquerellabili in tubetto si trovano facilmente e oltre ad essere venduti in set possono essere acquistati anche singolarmente. (Fonte: Dominika Roseclay / Pexels)

Tipo di carta

Indipendentemente dal tipo di pittura ad acquerello da utilizzare sappi che la scelta della carta adeguata per realizzare un dipinto è essenziale se pensiamo alla qualità del lavoro e alla facilità di realizzarlo senza errori.

È importante sapere che la pittura ad acquerello è una pittura molto liquida che si diffonde facilmente sulla carta, quindi i fogli molto sottili e poco strutturati, come la solfite, avranno più difficoltà a mantenere il disegno al posto giusto.

Pertanto, è importante scegliere una carta più spessa e strutturata, che aiuta a mantenere la pittura più stabile. Esiste la carta adatta per la pittura ad acquerello, ma se non vuoi investire in una di queste, cercane una con una grammatura maggiore di 200g/m2.

(Fonte dell’immagine principale: Marty-arts / Pixabay)

Perché puoi fidarti di noi?

Recensioni